L’optometria è la scienza della visione.

La funzione visiva

La sola misurazione della vista, rappresenta un indice parziale della funzione visiva e va completata con l’analisi di altri parametri, come la motilità degli occhi, le forie, l’ampiezza accomodativa ed altri test che ci da una indicazione ben precisa sul sistema visivo.

 

optometria 1

Skeffington formulava:

la visione da vicino è biologicamente inaccettata ma socialmente compulsiva.
Se ora noi pensiamo che Skeffington viveva in un periodo che non esistevano computers, telefonini e vari giochi elettronici, cosa direbbe oggi?.

Capita che delle persone, ad età diverse, lamentino dei disturbi: visione annebbiata, mal di testa, bruciore agli occhi, lacrimazione dopo aver lavorato con il computer; quando leggono si stancano presto ed abbandonano la lettura, oppure la visione tende a sdoppiarsi, ed altro ancora.
Tutti questi sintomi nascondono, probabilmente, un’alterazione dell’efficienza visiva.
L’efficienza visiva può essere misurata e anche migliorata. L’optometrista aiuta la persona nel ripristino del giusto equilibrio visivo, non solo prescrivendo degli occhiali ma riportando il sistema visivo ad un buon grado di operatività, che potrà tradursi in un maggior rendimento, nel lavoro, nello studio e nello sport.
La giusta profilassi per un’adeguata igiene visiva.

Per cui IL lavoro che noi svolgiamo da vicino, ormai, è sempre meno automatico, come in quei lavori artigianali di un tempo nei quali non era richiesto un particolare compito cognitivo (es. l’impagliatore).
Oggi gran parte dell’applicazione visiva svolta a distanza prossima, implica un notevole dispendio d’energie dovuto alla necessità di apprendere: la scuola, l’ufficio ecc.
Questo grande impegno genera stress e con il crescere dello stesso, il nostro organismo si difende mettendo in moto tutte le risorse possibili affinché tale attività prossimale possa essere in ogni modo svolta.
Con l’aumentare del carico è evocata una “resistenza attiva” che altro non è che l’ultima risorsa impegnata dal sistema per proteggersi.
Tale condizione genera un fenomeno chiamato “dell’avvicinamento”.
E’ stato osservato che molte persone, quando sono coinvolte in un compito svolto a distanza prossimale, tendono ad avvicinarsi sempre di più al loro lavoro; alcuni lo fanno appena iniziano, altri dopo un po’, altri ancora mostrano una risposta intermittente legata alla difficoltà del compito.

Il fenomeno dell’avvicinamento porta ad una tendenza dell’organismo a restringersi fisiologicamente, funzionalmente e percettivamente.
L’individuo comincia ad osservare meno, vedere meno, ricordare meno, imparare meno e diventa meno efficiente in generale.
Inizialmente questo fenomeno, mette in atto dei meccanismi naturali tali da non farci perdere la nostra capacità di vedere i 10/10, ma l’esposizione ad un impegno stressante che provoca inizialmente un adattamento piuttosto flessibile, ripetuto e protratto nel tempo, genera una risposta dell’organismo sempre più rigida, più strutturata, fino a diventare irreversibile (reazione appresa).
La prima area dove si rileva una distorsione della performance, è da vicino.
A poco a poco questi effetti dell’adattamento sono trasferiti nella visione a distanza e diventano la base del cambiamento rifrattivo, in pratica non siamo più capaci di leggere i 10/10 (miopia).

 

Per determinare in modo analitico la struttura comportamentale di un individuo, ci si avvale dell’analisi visiva.
L’analisi visiva comportamentale è l’analisi del comportamento visivo e non solo l’acquisizione di valori numerici. Diversi autori sostengono che qualsiasi risposta qualitativa durante l’esame può essere considerata come un aspetto del comportamento visivo.

 

 

 

(Snellen sosteneva)
L’Optometria è molto di più di un “paio d’occhiali” o di un “esame della vista” è un servizio dedicato all’analisi scientifica ed al miglioramento della visione intesa quale processo d’apprendimento e quale fenomeno fondamentale per il miglior adattamento dell’individuo al modo che lo circonda.

 

optometria 2

 

 Nella sua professione, l’Optometrista esamina il processo visivo nel suo aspetto funzionale e comportamentale con metodi soggettivi e oggettivi. Egli fa riferimento all’ottica fisica e alla fisiologia oculare, utilizzando strumenti messi a disposizione dall’evoluzione tecnica scientifica. Il suo obiettivo è quello di migliorare l’efficienza visiva sia con compensazione ottica sia attraverso l’allenamento visivo.

 

 

 

 L’Optometrista nella sua professione, agendo sull’atto visivo e non sul globo oculare, non fa alcun intervento di carattere medico dato che l’Optometria non è un’emanazione della medicina.

 

Pertanto l’Optometrista, non fa diagnosi, prognosi o cura delle patologie oculari, compiti svolti dal medico Oculista. Rif.(Rosanna Bardini Optometrista SOE)


.

 NewsFlash

20/01/2016
Italia Indipendent By Adidas

 Italia indipendent By Adidas:

La nuova collezione prende ispirazione dalle leggendarie sneakers: la parte interna in gomma ne richiama le suole, i pattern e i colori sono un richiamo alla libertà espressiva dello street style. I terminali regolabili e i naselli intercambiabili garantiscono una calzata perfetta e un look sportivo. Un inno all’indipendenza e all’originalità per chi segue la propria strada, sempre.
18/12/2015
Lozza Sartoriale

 L’occhiale personalizzato non è più un sogno: su misura, creato appositamente per il proprio viso .

18/12/2015
Lanvin Paris

Gli occhiali vengono considerati dalla maison
come un accessorio unico che comunica molto
del proprio stile, personalizzandolo nel frattempo,
in questo modo gli occhiali vengono decorati con piccoli gioielli.

 

    

27/08/2010
Panoramica sui filtri solari

PROTEZIONE SOLARE

27/08/2010
Sicurezza Stradale

30/11/2009
Problemi con le lenti rigide

Problemi con le lenti rigide che ci hanno esposto

30/11/2009
Lavoro molto da vicino

uno dei problemi più frequenti

30/11/2009
Sindrome di Sjögren

Sindrome di Sjögren

30/11/2009
Chirurgia refrattiva

Molte persone ci chiedono consigli se fare la chirurgia refrattiva per togliersi gli occhiali

30/11/2009
la miopia peggiora?

La miopia peggiora?
Quesito posto da un nostro cliente.

30/11/2009
Bruciore e stanchezza degli occhi.

altro fastidio che ci viene spesso segnalato:
 

30/11/2009
Prevenzione della miopia

Per i genitori dei bambini miopi

30/11/2009
Centro Argos

ARGOS centro per la vista e lo sviluppo in età evolutiva

 

27/11/2009
La Visione


 Rispettare e potenziare la visione

26/11/2009
Tesi Adattamenti visuo-posturali

Tesi discussa presso l' Università "La Sapienza" di Roma I° Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neurologia e Otorinolarigoiatria

04/11/2009
Ripristinato il vecchio e storico numero del telefono

TEL. e  FAX 06 41732360

 Ricerca